Protesi

Restaurazione protesica degli elementi dentali persi



Protesi mobile

Le protesi dentarie mobili sono dei manufatti protesici per mezzo dei quali si sostituiscono uno o più denti mancanti. Ovviamente si differenziano dalle protesi dentarie fisse proprio per il fatto che è possibile per il paziente rimuovere la protesi dal cavo orale. Nel caso in cui siano presenti alcuni denti la protesi mobile può "appoggiarsi" e "mantenersi stabile" grazie ad attacchi o ganci che esercitano la loro azione sui denti naturali del paziente. Ovviamente maggiore è il numero dei denti presenti e maggiore sarà la stabilità della protesi. La protesi parziale si ancora dunque tramite ganci o attacchi ai denti rimanenti. Quando la protesi parziale ha una struttura di sostegno metallica viene definita protesi scheletrica o scheletrato .

Mentre nel paziente completamente edentulo la protesi mobile è detta "totale"

ed appoggia e si sostiene completamente sulla mucosa che ricopre le arcate ossee prive di denti. Tra i vantaggi che annoverano le protesi mobili vi è quello della semplicità delle manovre di igiene domiciliare quotidiana sia della protesi che del cavo orale. Inoltre sono generalmente più economiche rispetto ad una protesi fissa tradizionale o su impianti. Tra gli svantaggi abbiamo il fatto che le protesi mobili sono più ingombranti e più fastidiose (proprio perchè mobili!) rispetto alle protesi fisse. Inoltre nel caso in cui queste protesi si appoggino sulla mucosa della bocca talvolta possono determinare delle piccole ferite (piaghe da decubito) che necessitano di modifiche alla protesi per poter guarire.
Se la sella edentula fosse poco rilevata o comunque per aumentare la ritenzione della protesi totale è possibile, qualora la quantità di osso residuo fosse sufficiente, ricorrere alla chirurgia impiantare. In tal caso verrebbero inseriti nella cresta edentula degli impianti con funzione di ancoraggio per la protesi stessa.


Protesi fissa su denti naturali

La protesi fissa consente di poter ricostruire dei denti propri molto danneggiati (ad es. da carie destruente ) o mancanti, per mezzo di corone protesiche, comunemente chiamate ''capsula'' (nel caso di protesi su un singolo dente) e ''ponte'' (nel caso di una protesi fissata ed appoggiata su due o piu' denti naturali allo scopo di sostituire i denti mancanti). Ovviamente si differenzia dalle protesi dentarie mobili proprio per il fatto che non è possibile per il paziente rimuovere la protesi dal cavo orale, proprio perchè la protesi fissa è "cementata" ai denti naturali del paziente. La porcellana e' uno dei materiali piu' utilizzati per la realizzazione del rivestimento esterno delle protesi fisse, questo per le sue particolari caratteristiche estetiche e di resistenza. Oggigiorno e' possibile realizzare delle protesi fisse in porcellana indistinguibili dal punto di vista estetico e funzionale dai denti naturali.


Protesi Fissa su impianti

Le protesi dentarie fisse su impianti utilizzano gli impianti osteointegrati come sostegno ed "ancoraggio". Gli impianti a loro volta sono saldamente "fissati" alle ossa mascellari (osteointegrati). L’ impianto osteointegrato, in pratica, è una nuova "radice" in titanio che viene inserita al posto della radice del dente naturale che è stato perso. Il titanio, da cui questa radice artificiale è costituita, come dimostrato da numerose ricerche scientifiche, risulta essere un materiale perfettamente biocompatibile ed ha la particolare caratteristica di stimolare le cellule ossee a saldarsi perfettamente ad esso. Dal momento in cui è stato inserito l’impianto è necessario lasciarlo "a riposo" (l’impianto stesso) per un periodo di circa 3 - 6 mesi, questo è il tempo necessario alle cellule dell’osso di legarsi e di unirsi perfettamente alla radice in titanio. Al termine di questo periodo di guarigione sarà possibile posizionare il nuovo dente, in quanto la sua base si inserirà all’interno dell’impianto cioè della nuova radice. Il risultato finale è quindi quello di ottenere una nuova radice perfettamente stabile e che quindi è in grado di sostenere un nuovo dente artificiale (in porcellana od altro materiale estetico) che sostituisce sia dal punto di vista estetico che funzionale il dente originario perso.

Protesi fissa

Un problema veramente delicato è il restauro o la ricostruzione degli elementi dentali distrutti o mancanti mediante manufatti prodotti nei laboratori odontotecnici su indicazione e progettazione del medico odontoiatra. Passione e precisione sono le peculiarità che ci caratterizzano nell’affrontare con le più moderne apparecchiature ogni tipo di intervento. Indispensabile è il supporto, facilitato dalla vicinanza, degli studi odontotecnici con cui collaboriamo.

La protesi fissa comprende ogni tipo di restauro o ricostruzione che viene cementato sui denti preparati a moncone dal dentista o su impianti infissi nell’osso.

Può essere prodotta con diversi materiali:
- la resina (plastica), che viene confezionata nei colori più simili ai denti naturali, è utilizzata normalmente per i provvisori, cioè per quelle protesi fisse posizionate in bocca per un periodo di tempo limitato, o per motivi diagnostici e di verifica, o per il tempo necessario all’odontotecnico per la produzione degli elementi definitivi.
- l’oro che viene utilizzato per fondere denti da posizionare in zone della bocca non visibili.
- la ceramica, che ormai ha soppiantato ogni altro materiale usato in passato, costituisce il materiale di scelta principale per qualsiasi tipo di restauro protesico. Viene preparata nel laboratorio odontotecnico su “cappette” fuse in oro (struttura che è ricoperta completamente dalla stessa ceramica), e poi “cotta” in speciali forni ad altissime temperature (attorno ai 1000°C), per conferirle le caratteristiche di estetica, durezza, trasparenza e levigatezza, che la rendono praticamente uguale ai denti naturali.
- la resina (plastica), che viene confezionata nei colori più simili ai denti naturali, è utilizzata normalmente per i provvisori, cioè per quelle protesi fisse posizionate in bocca per un periodo di tempo limitato, o per motivi diagnostici e di verifica, o per il tempo necessario all’odontotecnico per la produzione degli elementi definitivi.

- in zirconia, è l’ultima frontiera in campo di estetica dentale in protesi fissa. La struttura metallica che sostiene la porcellana è in questo caso costituita di zirconio, che ha un colore molto vicino a quello del dente.

 
 

Siamo a Roma

via Carini 32b, Roma
(zona Monteverde)


Tel: 06 5817794
Fax: 06 5817796

Iscrizione Ordine dei Medici Roma 31227
Iscrizione Ordine degli Odontoiatri 05226







Designed by: WebValue a division ofJK Promotion&Events Valid XHTML and CSS.